Get your daily dose of tech!

We Shape Your Knowledge

L'intelligenza artificiale funziona senza i Big Data?

Kirey Group

    Dal riconoscimento facciale alla guida autonoma, le tecnologie di Intelligenza Artificiale hanno fatto passi da gigante

    Negli ultimi dieci anni l’attenzione, la ricerca e gli investimenti nel campo dell’intelligenza artificiale hanno raggiunto livelli altissimi. Ma c'è chi teme un nuovo “autunno dell' AI”. Sarà davvero così?

     Lo sviluppo è stato talmente repentino e verticale che comincia a farsi strada, fra la comunità scientifica, il timore  di un l“autunno” dell’Intelligenza Artificiale. In gergo tecnico, l’AI segue la metafora delle stagioni: un “Ai autumn” è un periodo in cui i fondi e l’interesse per il settore svaniscono, innescando una reazione a catena: il pessimismo comincia a circolare prima nella comunità, poi nei media e infine nel pubblico, fino a far collassare il settore e, quindi, la ricerca.

    Già in passato l’Intelligenza Artificiale ha vissuto delle fasi altalenanti: il settimanale The Economist ha calcolato che, dagli anni 50 ad oggi, ci sono state almeno altre due ondate in cui sembrava che l’intelligenza artificiale avrebbe cambiato la nostra vita; il tutto poi scemava in promesse irrealizzabili e passava di moda.

    Ma come stanno davvero le cose? Come spesso accade, c’è un divario fra chi è più catastrofico e chi è più ottimista. Tra gli ottimisti spicca Marcello Restelli dell’AIRLab (Artificial Intelligence and Robotics) del Politecnico di Milano: “i precedenti autunni sono stati generati da promesse non mantenute, ora invece le tecniche di intelligenza artificiale sono già impiegate con gran successo in numerosissime applicazioni”.

    I 3 elementi chiave dell' AI

    Una premessa fondamentale è data dal fatto che l’intelligenza artificiale ha bisogno di tre elementi per funzionare:

    • algoritmi sofisticati;
    • grandi quantità di dati;
    • computer potenti e una buona infrastruttura IT.

    Nonostante il gran parlare di Big Data e Open Data, la scarsità di dati è uno dei problemi principali. Si è visto proprio con l’emergenza Covid-19: molti dati non sono disponibili tempestivamente, altri non sono confrontabili, altri ancora semplicemente non esistono per il fatto che la nostra vita non è ancora totalmente digitale. Ma senza buoni dati, l’intelligenza artificiale non funziona.

    Per far sì che l'intelligenza artificiale diventi una solida realtà è necessario dotarsi di strumenti e tecnologie avanzate che estraggano i dati, li trasformino in informazioni e che quest’ultime vengano automatizzate.

    Kirey Group dispone delle competenze e delle tecnologie necessarie per recuperare i dati, elaborarli, gestirli e interpretarli in tempo reale. Grazie a Kubris®, Innovation Center di Kirey Group, è possibile scrivere e applicare algoritmi di AI e Machine Learning personalizzati sulla base delle esigenze del cliente. Ecco che dai dati è possibile ricavare anomalie, forecast, automazioni, predizioni.

    Post correlati:

    Google DevFest Italia 2020: Michela Sessi tra gli ...

    Michela Sessi, Data Scientist di Kirey Group sarà speaker al prossimo GDG DevFest Italia 2020, che s...

    Kirey Group al webinar “Dall'innovazione tecnologi...

    Kirey Group al webinar organizzato dalla Mefop “Dall’innovazione tecnologica alla creazione di ecosi...

    Servizi Cloud in Italia: è guerra tra Amazon e Goo...

    E' una sfida a tutto cloud quella tra Amazon e Google. AWS, la nuvola di Jeff Bezos che da sola vale...