Get your daily dose of tech!

We Shape Your Knowledge

    Adozione del DevOps: mai così attuale

    Kirey Group

    18 novembre 2020

    Adozione del DevOps: mai così attuale

    In un periodo in cui il business richiede rapidità, servono strumenti che facilitino e governino la ...

    18 novembre 2020

    In un periodo in cui il business richiede rapidità, servono strumenti che facilitino e governino la trasformazione digitale.

    A cura di Enrico Mingardo, Portfolio & Alliance Manager di Kirey Group

    La diffusione delle tecnologie basate sul mondo container cresce in modo continuo di pari passo con la trasformazione digitale delle aziende e l’adozione di ambienti sempre più distribuiti con architetture ibride e multi-cloud.

    Le motivazioni che hanno portato a una adozione sempre più diffusa dei container sono sicuramente molto valide: i container accelerano la distribuzione delle applicazioni e facilitano la collaborazione dei team, senza creare ostacoli in presenza di ambienti di deployment diversi. 

    Quale approccio moderno allo sviluppo e al rilascio del software, la containerizzazione è elemento abilitante all’adozione dei microservizi e più in generale di metodologie come il DevSecOps, del quale si parla ormai da diversi anni ma che, nell’ottica di coniugare le applicazioni esistenti con le più moderne infrastrutture e app cloud native, ha guadagnato negli anni una crescente popolarità

    L’attenzione per il DevSecOps è quindi costante, anche da parte dei nostri clienti che si trovano sempre più spesso impegnati in una fase di sperimentazione bottom-up o top-down, che li aiuti a comprendere come trarre il meglio le tecnologie di containerizzazione, dai microservizi e dal DevSecOps stesso, e a capire quale impatto queste tecnologie potranno avere sulla loro organizzazione e sul modus operandi, al fine di dare vita a nuovi servizi di qualità che arrivino fino alla produzione.

    Il cambiamento culturale

    Il DevSecOps resta principalmente un approccio culturale che prevede cambiamenti profondi: a partire da una revisione totale del modo in cui i servizi e le applicazioni vengono realizzate, monitorare ed esercite da tutti gli attori della filiera, dagli sviluppatori, da chi si occupa della security o delle operations fino a chi sorveglia che tutto in produzione venga erogato correttamente.

    Tutto questo si traduce in una modifica sostanziale anche dei processi aziendali e della composizione dei team di lavoro, che vengono organizzati in maniera diversa per poter realizzare nuove applicazioni e servizi. Oggi, infatti, è sempre più necessario che all’interno dei team, che in passato erano separati per silo specialistici, siano presenti nuove competenze dalla security allo sviluppo fino alle operations che siano trasversali a tutto il team, skill a volte ottenute coinvolgendo soggetti esterni e altre volte apprese attraverso una formazione continua.

    Vuoi saperne di più? ➡ DevSecOps: la sicurezza è parte integrante dello sviluppo applicativo

    DevOps top-down o bottom-up?

    L’adozione del DevSecOps da parte dei nostri clienti sta avvenendo con due modalità molto diverse tra loro. Bottom-up, tramite una sperimentazione sul campo, che ha garantito benefici rapidi ed evidenti, con la creazione di ambienti di test in pochi minuti rispetto alle settimana che ci volevano in passato, oppure top-down, in modo opposto, a partire dalla creazione di una sorta di “innovation hub” interno e dalla definizione di linee guida che poi la corporate condivide nell’organizzazione in modo che vengano adottate da chi deve essere coinvolto.

    Come Kirey Group abbiamo seguito i clienti in entrambi questi percorsi che presentano vantaggi e difficoltà di diverso genere. Quando l’iniziativa nasce bottom-up le principali difficoltà nascono dal punto di vista organizzativo, forte è infatti la necessità di governare questi ambienti molto dinamici ed essere accompagnati da un consulente che abbia la corretta expertise per farlo. Quando invece le iniziative nascono top-down sono gli aspetti legati all’integrazione con l’IT esistente a passare in primo piano e spesso la necessità è quella di ricorrere a servizi gestiti, per avere un servizio disponibile 24 ore su 24 anche per applicazioni business critical, e avvalersi di competenze specifiche da parte di partner che hanno una conoscenza profonda anche delle tecnologie già adottate dall’organizzazione, e che li aiutino a esporre all’esterno l’intera l’architettura dei microservizi in maniera controllata e resiliente.

    Nel caso dell’adozione top down la questione, quindi, e non è più quella di come facilitare l’adozione ma come giungere alla migliore integrazione attraverso una partnership fidata.

    La service mesh, un trend di crescente importanza

    In un periodo in cui i cambiamenti avvengono in modo repentino e il business richiede altrettanta rapidità nei tempi di risposta, servono degli strumenti che permettano di facilitare e governare la trasformazione digitale continua. In ambito DevSecOps, per fare questo, uno dei temi chiave è proprio quello della Service Mesh, che può essere considerata come un nuovo layer infrastrutturale che permette il disaccoppiamento tra applicazioni/servizi e network.

    La service mesh offre la possibilità di aumentare la sicurezza e governare tutte le comunicazioni tra microservizi, oggi anche tra comunicazioni multicluster-multicloud. Inoltre, permette la gestione avanzata dei deploy applicativi (blue/green, canary, A/B testing) e la possibilità di abilitare l’observability per tutti i microservizi, senza lasciare zone oscure, con metriche e logiche uniformi e consentendo infine di creare codice più leggero e libero da logiche di networking costruite ad hoc.

    Il valore aggiunto di questo tipo di strumento è quello di permettere una Trasformazione Digitale continua, controllata e sicura. La Service Mesh riesce, infatti, a offrire funzionalità avanzate che vanno ad integrarsi perfettamente con altre componenti come l’API Gateway, Ingress Controller, Edge Proxy.

    Leggi anche ➡ Incontro DevOps Italia 2020: Kirey Group sponsor all'Online Event

    Verso un 2021 DevSecOps

    Oggi è molto difficile poter dire quale sarà l’evoluzione del mercato nei prossimi mesi, ma possiamo affermare con una certa sicurezza che l’attenzione alla riduzione dei costi sarà messa ancor più in primo piano rispetto al passato e, in questo contesto, che il cloud sarà sempre più utilizzato in tutte le sue forme per architetture ibride on prem o multi-cloud.

    Molto spesso, in passato abbiamo visto i clienti implementare in un’ottica “self-made” soluzioni customizzate per la governance. Negli ultimi mesi il mercato ci ha mostrato con evidenza come esistano molte e nuove soluzioni forti e abilitanti, che richiedono anche meno tempo speso nella manutenzione - soluzioni per la gestione pensate in un’ottica multi-cloud e ibrida.

    Sicuramente sarà importante guardare alla loro evoluzione perché posso dire con certezza che in futuro avremo a che fare con governance complesse, a 360 gradi, di architetture che a volte, come nell’ambito assicurativo arriveranno facilmente fino all’Edge. Tale scenario richiederà la competenza di partner capaci non solamente di sviluppare container ma anche di renderli sicuri, gestirli al meglio quando in esecuzione e monitorarli, e che potranno svolgere un ruolo chiave nel supportare le aziende in questo cambiamento.

    Kirey Group ha recentemente creato una linea d’offerta specifica dedicata al DevSecOps, proprio per mettere a fattore comune le forti competenze trasversali che il Kirey Group possiede in ambito come la security, lo sviluppo e le operations e collabora in modo costante con i principali vendor in ambito devsecops per supportare i propri clienti – dei mercati finance, assicurativo e non solo - nell’affrontare le prossime sfide di trasformazione e cogliere ancora una volta al meglio le opportunità che le nuove tecnologie offriranno loro.

    New call-to-action

     

    Post correlati:

    Verso la nuova era dell’automazione: l’avvento del...

    La Digital Workforce migliora la produzione, garantisce una operatività continua, svolge compiti com...

    Kirey Group e Gimme5 insieme per formare i Data Sc...

    Kirey Group conferma ancora una volta di essere in prima linea ad investire nell'innovazione e nella...

    Claudio Bottari è il nuovo Chief Innovation Office...

    Kirey rinnova l’impegno nel porre l’innovazione al centro del proprio Gruppo Fondando una nuova busi...